· 

Cointestazione conto con utilizzo di somme successivo al decesso di uno dei contitolari.

Immaginiamo una fattispecie, abbastanza ricorrente, di cointestazione di un conto corrente (specie fra conviventi) con facoltà di operare disgiuntamente da parte di ciascuno dei contitolari.

Tale previsione, permette di effettuare operazioni con effetti vincolanti anche per l'altro, e quindi è verosimile che ciascun contitolare possa pretendere  dalla banca il pagamento dell'intero.

Problemi più complessi si presentano in caso di morte di uno dei cointestatari.

In giurisprudenza si è affermato anche di recente che  “nel caso in cui il deposito bancario sia intestato a più persone, con facoltà per le medesime di compiere, sino alla estinzione del rapporto, operazioni, attive e passive,anche disgiuntamente, si realizza una solidarietà dal lato attivo dell’obbligazione, che sopravvive alla morte di uno dei contitolari, sicché il contitolare ha diritto di chiedere, anche dopo la morte dell’altro, l’adempimento dell’intero saldo del libretto di deposito a risparmio e l’adempimento così conseguito libera la banca verso gli eredi dell’altro contitolare” ( Cass. 3 giugno 2014, n. 12385; Cass. 29 ottobre 2002,n. 15231).

Tale orientamento, tuttavia, si scontra con la prassi bancaria di congelare il conto  in ragione dell'art. 48, 4 comma, del T.U. in materia di imposte di successioni e donazioni, il quale, prevede che la banca debba bloccare ogni operazione di restituzione, salvo l'esibizione della dichiarazione di successione, il che implica il consenso di tutti i coeredi.

L'unico escamotage che si può attuare  potrebbe essere quello che prima della cointestazione, il titolare del conto pattuisca contrattualmente con la Banca, una clausola di utilizzo delle somme da parte del futuro cointestatario per il caso di premorienza.

Tale previsione non violerebbe il divieto dei patti successori in quanto ci troveremmo di fronte a un contratto a favore di terzo con prestazioni da eseguirsi dopo la morte dello stipulante.

Scrivi commento

Commenti: 0