· 

Circolare 14/E del 6.6.2020, al via la cessione del credito di imposta e compensazione del canone

Circolare 14/E del 6.6.2020:al via la cessione del credito di imposta e la compensazione del canone

 

Con la circolare 14/E del 6.6.2020, l’Agenzia delle Entrate sblocca l’utilizzo del credito d’imposta con effetto immediato in compensazione per il pagamento di altri tributi.

 

Credito al 60% o al 30%

Il credito di imposta è pari al 60% del canone di locazione, leasing o concessione, versato nel 2020 relativamente ai mesi di marzo, aprile e maggio. L’Agenzia precisa che il credito compete solo in relazione ai contratti di leasing operativi (di mero godimento) e non anche per i leasing finanziari caratterizzati dalla traslazione della proprietà dell’immobile.

Il bonus si riduce al 30% in casi di contratti di servizi a prestazioni complesse (ad esempio il coworking) e affitto d’azienda.

Qualora il pagamento del canone slitti al 2021 il canone non matura.

 

Immobili interessati

Il bonus spetta a canoni di locazione riferiti a tutti i locali a uso non abitativo in cui si svolgono attività industriali, commerciali, artigianali, agricole, di interesse turistico e professionale.

L’Agenzia conferma che il bonus spetta anche per gli immobili in affitto classificati come civili abitazioni se l’utilizzo effettivo rientra nelle casistiche previste dalla norma.

La circolare precisa che per gli immobili utilizzati in modo promiscuo l’entità del bonus è commisurata alla metà del canone.

 

I beneficiari

Per i soggetti esercenti attività economica l’agevolazione spetta a patto che nei mesi oggetto dell’agevolazione si sia riscontrato un calo del fatturato o dei corrispettivi del 50% rispetto agli stessi mesi del 2019.

Per espressa inclusione dell’Agenzia rientrano i contribuenti forfettari e gli agricoltori.

 

La cessione del credito

Viene precisato che l’inquilino può cedere, in accordo col locatore, il bonus “in conto canone” al locatore stesso pagando la sola differenza tra il canone dovuto e il credito di imposta ceduto.

Qualora non venga usato direttamente il bonus può essere ceduto anche ad altri soggetti privati oltre che alle banche.

Nel caso in cui le spese condominiali siano pattuite come voce unitaria all’interno del contratto di locazione, le stesse concorrono alla determinazione dell’importo su cui calcolare il credito d’imposta.

 

A cura del Dott.Bruno Sesti

Commercialista Bergamo

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    MICHELE GIOVANNI CARRERA (domenica, 14 giugno 2020 22:07)

    CREDO CHE LE CONDIZIONI DA VERIFICARE SIANO RELATIVE A OGNI SINGOLO MESE E CHE ULTERIORE REQUISITO IMPORTANTE SIA L'EFFETTIVO PAGAMENTO DEL CANONE NEI TRE MESI CITATI