· 

Società di capitali: quando la cessione dei crediti deteriorati diventa credito di imposta?

Società di capitali: quando la cessione dei crediti deteriorati diventa credito di imposta?

L'articolo 55 del D.L. “Cura Italia” prevede a seguito  dalla cessione a titolo oneroso di crediti deteriorati, la possibilità di trasformare in credito di imposta le imposte anticipate riferite alle perdite fiscali pregresse e alle eccedenze ACE (Aiuto alla Crescita Economica).

.

Ambito soggettivo

L’opzione può essere esercitata da tutte le società di capitali tranne quelle per cui sia stato accertato lo stato di dissesto (o il rischio di dissesto) ex art. 17 Dlgs 180/2015 o lo stato di insolvenza ai sensi dell’art. 2, comma 1, lettera b), Dlgs 14/2019.

L’Agevolazione non si applica alle cessioni tra società legate da rapporti di controllo anche indiretto.

 

Ambito oggettivo

L’agevolazione consiste nella trasformazione delle attività per imposte anticipate relative a perdite fiscali e alle eccedenze ACE in crediti d’imposta.

 

Si evidenzia che le imposte anticipate possono anche non essere iscritte in bilancio al 31.12.2019 per mancanza del requisito contabile, ma che sono qui riconosciute in via del tutto “virtuale”.

 

I requisiti per poter accedere all’ agevolazione sono i seguenti:

 

1. Cessione a titolo oneroso entro il 31.12.2020 dei crediti pecuniari aventi le seguenti caratteristiche:

-deteriorati ovvero scaduti dal oltre 90 giorni rispetto alla scadenza pattuita;

-di natura commerciale o finanziaria.

2. La presenza di perdite fiscali pregresse e/o di eccedenze ACE riportabili al 31.12.2020. Pur in assenza di uno specifico dettato normativo si può ipotizzare che le stesse debbano sussistere alla data di chiusura dell’esercizio precedente a quello in cui i crediti vengono ceduti.

 

Determinazione del credito

Il plafond delle perdite fiscali e/o dell’eccedenza ACE non può eccedere il 20% del valore nominale dei crediti ceduti (a nulla rilevando il valore di cessione);

L’ammontare delle imposte anticipate trasformabili è pari all’aliquota IRES del 24% applicata al plafond come in precedenza individuato;

I crediti ceduti sono considerati per un valore massimo di 2 miliardi di euro.

 

Efficacia della trasformazione

La trasformazione delle imposte anticipate in credito d’imposta avviene alla data di efficacia della cessione dei crediti.

Resta da chiarire se il credito d’imposta potrà essere utilizzato dalla data della cessione dei crediti o se potrà essere utilizzato a partire dall ’esercizio successivo a quello in cui la cessione è realizzata.

 

Modalità di utilizzo del credito

Il credito derivante dalla trasformazione potrà essere utilizzato:

In compensazione senza limiti di importo;

Ceduto secondo le procedure degli articoli 43 bis e ter DPR 602/1973;

Chiesto a rimborso.

Il credito d’imposta:

Non è produttivo di interessi;

Non concorre alla formazione del reddito e della base imponibile Irap;

Dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa all’ esercizio 2020.

 

A cura del Dott.Bruno Sesti

Commercialista in Bergamo

 

Scrivi commento

Commenti: 0