· 

Separazione fra i coniugi e donazione di immobile ai figli: revocatoria?

Separazione fra i coniugi e donazione di immobile ai figli: revocatoria?

La risposta pare affermativa.

 

Con l'ordinanza  del 6.10.2020, n.21358, la Cassazione precisa che deve essere accolta la revocatoria della donazione di un bene immobile, fatta dal genitore ai figli, sulla base di un precedente accordo preso fra i coniugi-genitori in sede di separazione.

 

Il genitore-donante aveva prestato una fideiussione personale ad una società che non aveva saldato il debito, talchè il creditore aveva agito in revocatoria della donazione nei confronti del fideiussore.

 

Questi si era difeso, sostenendo che la donazione era un atto dovuto, non revocabile, poichè adottato in esecuzione di un preesistente accordo raggiunto in sede di separazione, di cui era tenuto all'osservanza.

 

La Suprema Corte respinge il ricorso del genitore-donante affermando che  la volontà espressa nell’accordo di separazione di trasferire con donazione un immobile ai figli, non integra un contratto preliminare a favore di terzi, ma un atto autonomo per il quale , deve farsi riferimento ai fini della ricorrenza dei presupposti dell'azione revocatoria.

 

In conclusione, la Suprema Corte ha deciso che il  trasferimento del bene ai figli, per effetto  dell’accordo preso nell’accordo di separazione, si atteggia come “un atto traslativo che ha la sua causa (ossia la sua ragione giustificatrice) non in sé, ma al suo esterno, in un precedente accordo che funge solo da causa esterna del trasferimento medesimo, con la conseguenza che i presupposti della revocatoria vanno valutati rispetto a quest’ultimo atto e non all’accordo “causale e giustificativo”.

 

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Giuseppe Salmè (martedì, 16 febbraio 2021 12:29)

    La sentenza non mi convince per nulla. Pensare a una separazione in frode ai creditori mi pare eccessivo. A stretto rigore si potrebbe agire in revocatoria direttamente nei confronti dell'accordo di separazione omologato quando questo accordo, come accade di frequente nella pratica, invece di rimettere a un atto successivo il trasferimento provveda direttamente all'attribuzione patrimoniale ai figli.

  • #2

    Francesco Frigieri (venerdì, 19 febbraio 2021 14:10)

    Grazie per il commento!! Entrando nel merito ho intravisto anch’io una posizione della Corte del tipo dello struzzo che mette la testa sotto la sabbia, per cui la sentenza slegare le due fasi, quella in un certo senso istitutiva (accordo di separazione) rispetto a quella dispositiva (donazione), aiutando così il creditore nell’ onere della prova sui presupposti della revocatoria per gli atti a titolo gratuito, rispetto a quelli a titolo oneroso, quali potrebbero essere gli accordi patrimoniali in sede di separazione.