Donazioni & patrimonio · 28. novembre 2018
Una recente sentenza della Suprema Corte (Cass. Sez. III n.24160 del 4.10.2018) afferma che il marito che fornisca il denaro affinché la moglie divenga proprietaria di un immobile non potrà chiedere la restituzione, né dell’immobile, né del denaro in quanto tale atto è riconducibile nell'ambito della donazione indiretta, così come sono ad essa riconducibili, finché dura il matrimonio, i conferimenti patrimoniali eseguiti spontaneamente volti a finanziare i lavori di ristrutturazione...
Convivenze & patrimonio · 13. ottobre 2018
La Cassazione di recente prende in esame ancora il caso, decisamente ricorrente, della richiesta di rimborso di tutte le spese anticipate dall'ex convivente per la costruzione di un immobile, poi adibito a casa comune, ma di fatto realizzato su terreno di uno dei due conviventi. L'ordinanza n. 14732 del 7.6.2018, precisa che il conferimento di denaro e del proprio tempo libero, impegnato in ore di lavoro per la costruzione della casa che doveva essere la dimora comune, deve ritenersi senz'altro...
Convivenze & patrimonio · 23. settembre 2018
Altra recentissima pronuncia della Cassazione in tema di prova della simulazione. Si trattava di un caso nel quale il de cuius in vita aveva simulato una donazione attraverso un atto di compravendita. L'erede pretermesso, tuttavia, non può considerarsi terzo, ma quando agisce in qualità di erede ed intende ottenere il recupero del bene oggetto dell'atto dispositivo asserítamente simulato, per poi procedere alla divisione in parti uguali con il proprio fratello, deve ritenersi subentrato...
Giurisprudenza · 17. settembre 2018
La Suprema Corte ha affermato che "in tema di riscossione coattiva delle imposte, l'iscrizione ipotecaria di cui D.P.R. 602 del 1973, ex articolo 77, è ammissibile anche sui beni facenti parte di un fondo patrimoniale alle condizioni indicate dall'articolo 170 cod. civ., sicché è legittima solo se l'obbligazione tributaria sia strumentale ai bisogni della famiglia o se il titolare del credito non ne conosceva l'estraneità ai bisogni della famiglia" ( cfr. Cass. 23876/2015 ) In conseguenza...
Giurisprudenza · 09. settembre 2018
In una recentissima sentenza la Suprema Corte afferma che" l'azione di ingiustificato arricchimento di cui all'art. 2041 cod. civ. può essere proposta solo quando ricorrano due presupposti: (a) la mancanza di qualsiasi altro rimedio giudiziale in favore dell'impoverito; (b) la unicità del fatto causativo dell'impoverimento sussistente quando la prestazione resa dall'impoverito sia andata a vantaggio dell'arricchito, con conseguente esclusione dei casi di cosiddetto arricchimento indiretto,...
Giurisprudenza · 02. settembre 2018
Nella fattispecie nella quale il testatore disponga nei confronti del coniuge l'usufrutto generale dei suoi beni e la nuda proprietà ad altri, come deve interpretarsi la prima attribuzione? Istituzione di un legato o di erede? Una pronuncia recentissima delle sezioni unite della Cassazione Civile (Ord. Sez. U Num. 17122 Anno 2018, del 28.6.2018) ha affermato, ( se ne riportano i passi salienti), che: - la instituto ex re certa (di cui all'588 c.c. vale a dire istituzione di erede per beni...
Convivenze & patrimonio · 27. agosto 2018
Immaginiamo una fattispecie nella quale in caso di convivenza di una coppia, solo uno dei due sia il proprietario. In caso di successione, al convivente superstite spetterà soltanto un legato ex lege sull'abitazione, limitato nel tempo, ma solo ove la convivenza sia registrata all'anagrafe. Il comma 42, dell'art. 1 della Legge 76/2016 precisa che, salvo quanto previsto dall'articolo 337-sexies del codice civile, in caso di morte del proprietario della casa di comune residenza il convivente di...
Convivenze & patrimonio · 22. agosto 2018
Immaginiamo una fattispecie, abbastanza ricorrente, di cointestazione di un conto corrente (specie fra conviventi) con facoltà di operare disgiuntamente da parte di ciascuno dei contitolari. Tale previsione, permette di effettuare operazioni con effetti vincolanti anche per l'altro, e quindi è verosimile che ciascun contitolare possa pretendere dalla banca il pagamento dell'intero. Problemi più complessi si presentano in caso di morte di uno dei cointestatari. In giurisprudenza si è...
Strumenti para-successori · 23. luglio 2018
Una possibile alternativa per recuperare liquidità in situazioni non facilmente finanziabili
Convivenze & patrimonio · 15. luglio 2018
Dove c'è il più, c'e anche il meno. Con l'introduzione dell'art.2645 ter c.c. non sembra più interessante il ricorso al fondo patrimoniale, il quale ha sempre avuto dei limiti soggettivi ed oggettivi particolarmente rigidi.

Mostra altro